Coppa del Mondo
sabato 19 dicembre 2020
Anche Magnini alla vertical di domenica

Davide Magnini (foto Torri)
Davide Magnini (foto Torri)

Il comprensorio Pontedilegno – Tonale è pronto all’esordio assoluto nel circuito di Coppa del Mondo di sci alpinismo con tutti i big in gara nelle due specialità della sprint, che avrà spazio sabato pomeriggio, e della vertical race di domenica mattina. I team sono giunti a Ponte di Legno ed hanno già potuto respirare l’adrenalinica atmosfera del primo evento internazionale della stagione, mentre gli organizzatori dell’Adamello Ski Team da giorni stanno lavorando alacremente per garantire un tracciato di alto livello tecnico, in particolar modo per la sprint serale. In totale sono iscritti 264 atleti provenienti da 14 nazioni delle otto categorie previste, ovvero senior, under 23, under 20 e under 18, sia maschile sia femminile, per una competizione che si annuncia di assoluto livello anche per la presenza dei vincitori dell’ultima edizione della Coppa del Mondo, partendo dal valtellinese Robert Antonioli, dominatore della "overall" nelle ultime due stagioni (tre le sfere di cristallo da lui vinte) e dalla svizzera Marianne Fatton, che si è invece aggiudicata la generale femminile.
La notizia del giorno è rappresentata dalla presenza del trentino Davide Magnini, che ha recuperato in tempo record dall’infortunio alla spalla: «Le mie condizioni non sono ancora ottimali, – ha precisato l’atleta del Cs Esercito – ma in questi giorni ho provato ad allenarmi con intensità ed ho deciso di mettermi in gioco solo per la gara vertical di domenica. Per la sprint ci sono troppi cambi di assetto e troppi movimenti per la mia clavicola. Darò il massimo, ma non sarà facile».
Sempre in chiave azzurra saranno in gara anche le altre due vincitrici giovani della Coppa 2020, ovvero Giulia Murada nella categoria under 23 e Samantha Bertolina nella categoria under 20, così come la veneta Alba De Silvestro, trionfatrice nell’individuale.
La prima gara in programma è la sprint di sabato 19 dicembre, dove sono da tenere d’occhio anche gli specialisti svizzeri, da Werner Marti all’under 23 Aurelian Gay. Teatro delle sfide è il tracciato ricavato nella parte finale della pista Corno d’Aola, illuminata per l’occasione e dove alle 16 scatteranno le qualifiche, seguite da semifinali e finali.
Domenica invece spazio alla vertical race, con partenza alle 10, e sfida di sola ascesa con start da Ponte di Legno e arrivo in quota salendo sulla pista Corno d’Aola.
È dunque tutto pronto per questa prima assoluta in Coppa del Mondo per il comprensorio Pontedilegno – Tonale, che si è impegnato anche nel rispetto del protocollo Covid-19 di Ismf, grazie al prezioso contributo dell’Asst Valcamonica, che per l’occasione ha predisposto rigorose procedure per garantire lo svolgimento di questo importante evento, come evidenzia il direttore generale dottor Maurizio Galavotti: «Ci teniamo molto a questa collaborazione, che rientra nello studio scientifico attraverso il quale vogliamo capire come si può vivere in sicurezza tenendo conto della presenza del Covid-19».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,422 sec.